Davvero salvato?

Le religioni cercano di dimostrare Che l’uomo è un peccatore attraverso questioni morali e legali, ma La Bibbia mostra Che tutti sono diventati peccatori a causa di un unico reato di “E quando sarà venuto, egli convincerà il mondo quanto al peccato, alla giustizia e al giudizio” (Giovanni 16: 8).


 

Molti cristiani non sanno se sono salvati, insicurezza Che deriva da certe posizioni dottrinali, o non capiscono alcuni versetti della Bibbia.

Verse contenente avvertimento nella cura per La salvezza sembrano superare le garanzie contenute nel Vangelo di salvezza, e molti dubbi sono veramente salvati.

Comprendere l’avvertimento contenuto nel seguente versetto: “Non chiunque mi dice: Signore, Signore! entrerà nel regno dei cieli, ma colui Che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli “(Mt 7,21).

Dato questo verso, molti dubitano della loro salvezza e si interrogano sulla possibilità di essere ingannati perché credono di essere salvati. Senza dubbio, sono ancora i padroni di pseudo cristianesimo Che utilizzano il versetto solo di instillare la paura nelle persone, ma anche non capiscono la verità in essa contenute.

Quando Gesù disse: ‘Non chiunque mi dice: Signore, Signore, Signore, ‘ stava parlando a una folla Che dimostra che, proprio non lo chiama Signore, prima che sia necessario per fare la volontà di Dio per entrare in paradiso.

Gesù ha spiegato i suoi ascoltatori su ciò Che serve per avere La certezza della salvezza quando ha dimostrato i suoi ascoltatori a dire ‘Signore, Signore’, non garantisce La salvezza. La certezza della salvezza è fare La volontà Del Padre celeste. Gesù dimostrato non solo ciò Che non garantisce La salvezza e lasciati dall’uomo deve decidere per lei Che cosa è La volontà di Dio. Non! Gesù è venuto nel mondo per fare La volontà Del Padre e dichiarare all’uomo ciò Che è La volontà di Dio per essere fatto da uomo a raggiungere La salvezza.

Qual è la volontà di Dio che l’uomo esegue, garanzia ingresso in paradiso?

Alcuni predicatori, in possesso di questo versetto arrematam dire queste parole hanno preso di mira coloro Che professano ” pubblicamente con le labbra che crede in Cristo, ma non divenne mai realmente la pretesa di confessare che ha creduto in Cristo non produce salvezza se il penitente non obbedire a Dio di fare la sua volontà, che è fonte di confusione perché non chiarisce quale sia la volontà di Dio, o, peggio, sostengono che si conformano ai comportamenti stabiliti dalla società giusta è quello di compiere la volontà di Dio.

Una cosa è certa: entra solo in cielo, che nato di nuovo! Basta inserire in cielo che hanno lavorano più di scribi e dei farisei! Basta inserire nel cielo che fa la volontà di Dio! Ma la volontà di Dio è specifico: credono in Cristo.

L’opera di Dio, o il comandamento di Dio, o la volontà di Dio è riassunta nella seguente frase: “E questo è il suo comandamento: credere nel nome del Figlio suo Gesù Cristo e ci amiamo gli uni gli altri, come il suo comandamento “(1 Giovanni 3:23; Giovanni 6:29).

Ma se La volontà di Dio è Che gli uomini credono in Cristo, quando Gesù ha detto di non solo dire, -‘Senhor, Signore, ‘ma è necessario per fare Il lavoro di Dio Del messaggi- l’essenza o di Cristo è che credeva n “Lui” Gesù, rispondendo, disse loro: l’opera di Dio è questo: credere in colui che egli ha mandato “(Gv 6,29).

Fare la volontà di Dio porta salvezza, mai il contrario, che i risultati di salvezza nel fare la volontà di Dio. Buzzwords come, ‘non fanno la volontà di Dio per voi di essere salvato, ma devono fare la volontà di Dio, se siete veramente salvato,’ ha un enorme errore.

Spesso il peccatore viene a sapere che è peccato essere stato generato da Adamo e ha bisogno di Cristo per essere salvato, e dopo il peccatore crede che Gesù è il Figlio di Dio che toglie il peccato del mondo, ha la sua fiducia decostruito secondo tesi che ‘il vero frutto della salvezza è fare la volontà di Dio.’ Questo è uno dei dispositivi di Satana, che è il giro cercando chi divorare. Questo è un errore di perdizione, per aver creduto in Cristo è La volontà di Dio, condizione essenziale per entrare nel regno dei cieli, quando il credente comincia ad essere in Cristo e Cristo nel credente “E chi osserva i suoi comandamenti è in esso, e lo iN. E da questo sappiamo che egli dimora in noi: dallo Spirito che egli ci ha dato “(1 Giovanni 3:25).

Credere in Cristo come il Cristo di Dio, venuto al mondo è lo stesso che essere in Cristo, dunque, che crede diventa una nuova creatura, perché solo credere in Cristo per l’uomo per adempiere il comandamento di Dio.

Quando Il carceriere di Filippi ha chiesto l’apostolo Paolo e Sila quello Che deve fare per essere salvato, La risposta è stata specifico e categorico: credere nel Signore Gesù! “E li condusse fuori e disse: Signori, Che cosa devo fare per essere salvato? Ed essi dissero: Credi nel Signore Gesù Cristo e sarai salvato tu, e La casa tua “(Atti 16:30 -31).

Chi crede Che Gesù è il Figlio di Dio vince il mondo “Chi è che vince il mondo, se non colui che crede che Gesù è il Figlio di Dio?” (1 Giovanni 5: 5). Ammettere Che Gesù Cristo è il Figlio di Dio e che Dio lo ha risuscitato dai morti è la salvezza “Che se confessi con la tua bocca il Signore Gesù, e credi nel tuo cuore che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvato “(Romani 10: 9).

Quando si crede in Cristo, cioè, quando fa la volontà di Dio, l’uomo deve essere collegato alla vera vite. Essendo un bastone attaccato alla vite è impossibile non porta frutto “Rimanete in me e io in te; Come il tralcio in sé non può portare frutto se non è nella vite, così anche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci; che è in me e io in lui, porta molto frutto; perché senza di me non potete far nulla “(Giovanni 15: 4 -5, 1 Giovanni 3:25).

Quando Gesù dice: “Rimanete in me e io in te, ‘stava dicendo -” fare la volontà del Padre “; – “Credete che io sono l’inviato di Dio”; – “Eseguire l’opera di Dio”, perché chiunque crede in Cristo deve essere in Cristo e Cristo nel credente. Per essere in Cristo basta credere in Cristo (Giovanni 14: 1), per questo è il comando di Dio che si traduce in salvezza, dal momento che Cristo è stato mandato da Dio perché chiunque crede in lui non muoia, prima di avere la vita eterna (Giovanni 3:16).

Il frutto Che produce Il credente è quello di professare Il nome di Gesù come salvatore del mondo “, dunque, offriamo a Dio per lui il sacrificio di lode, cioè il frutto di labbra che confessano il suo nome” (Ebrei 13:15). Fare La volontà di Dio è credere in Cristo, e Il frutto del credente è quello di professare Cristo, il frutto di labbra, che non è lo stesso di ‘frutti della salvezza »(Eb 13,15).

Il comandamento è quello di credere in Cristo, il frutto è di annunciare la buona novella del Vangelo, perché il frutto è il seme che produce la vita. E ‘un errore grottesca confondere il frutto di labbra al comandamento di Dio.

La prova di salvezza è Che Dio ha risuscitato Il suo Figlio dai morti, e Che tutti coloro che obbedisce a Dio credendo in Cristo è salvato, per il suo comandamento è di credere in Cristo.

Se Il Cristiano crede che Gesù è il Salvatore del mondo, il Figlio di Dio nato nella casa di Davide, che ha vissuto una vita senza peccato, è morto ed è risorto dai morti e siede alla destra del Padre in alto, viene salvato, come leggiamo “Chi aveva promesso prima attraverso i suoi profeti nelle sacre Scritture, riguardo al Figlio suo, nato dalla stirpe di Davide secondo la carne, dichiarato Figlio di Dio con potenza secondo lo Spirito di santificazione mediante la risurrezione dai morti, Gesù Cristo, nostro Signore “(Rm 1: 2 -4).

Non lasciare che qualcun altro esaminare l’autenticità della vostra salvezza prima di provare, analizzare se stessi se si rimane a credere in Cristo, perché Egli è la fede che è stato quello di manifestare e noi eravamo manifesto (Galati 3:23). Se il credente rimane credere che Gesù è il Cristo secondo le Scritture, dice, è approvato davanti a Dio.

Se qualcuno cerca di mettere in dubbio la salvezza di coloro che hanno creduto in Cristo, solo che la raccomandata l’apostolo Paolo ai cristiani di Corinto: “Esaminate voi stessi, sia nella fede; dimostrare i vostri stessi. Non riconoscete voi stessi, che Gesù Cristo è in voi? Se non si è già deprecato “(2 Corinzi 13: 5).

E ‘per questo motivo Che Il credente deve interirar Che raggiunge dopo aver ascoltato il Vangelo e credere in Cristo: “Chi anche voi di fiducia, dopo aver sentito la parola della verità, il vangelo della vostra salvezza; e, dopo aver anche creduto, siete stati sigillati con lo Spirito Santo della promessa “(Ef 1,13).

Ora, se il cristiano non sa che è in Cristo e Cristo è in lui; Si sa che è una nuova creazione per essere in Cristo; non si sa che è il tempio, lo Spirito dimora di Dio; non si sa che è il corpo di Cristo; è noto che la luce nel Signore; non si sa che è il figlio di Dio; è sconosciuto che è stato battezzato nella morte di Cristo; è noto che già risorto con Cristo dai morti; è noto che il Padre e il Figlio è venuto e ha fatto affrontare ogni questione dal demoverá anticristo tale fede cristiana e si troveranno approvato “Esaminate voi stessi, sia nella fede; dimostrare i vostri stessi. Non riconoscete voi stessi, che Gesù Cristo è in voi? Se non si è già deprecato “(2 Corinzi 13: 5).

Il Cristiano Che non capisce che la volontà di Dio è credere in Cristo, o che non capisce che credere in Cristo è sufficiente per provocare la salvezza, è paragonabile al seme caduto lungo la strada, suscettibile al male venire a strappare il seme, come si legge nella parabola del seminatore: “Quando uno ascolta la parola del regno e non la comprende, viene il maligno e ruba ciò che è stato seminato nel suo cuore, questo è ciò che è stato seminato lungo la strada” (Mt 13:19 ).

Se il credente ritiene che:

a. Era un peccatore perché era un discendente di Adamo, perché è stato generato nel peccato (Rm 3,23);

b. Gesù è stato mandato nel mondo per salvare l’umanità, perché tutti erano alienato da Dio a causa del reato di Adamo (Giovanni 3:16);

c. Gesù è la Parola eterna, che era in principio presso Dio (Giovanni 1: 1 -2), ed essendo Dio, svuotato del suo potere e della gloria e divenne un uomo (Fil 2, 7);

d. Gesù è stato introdotto al mondo come l’unigenito Figlio di Dio, generato nel grembo di Maria dallo Spirito di Dio (Giovanni 1:18; Mt 1,18);

e. Gesù ha vissuto tra gli uomini, è stato un partecipante in tutte Le afflizioni, ma era senza peccato (Ebrei 2:17);

f. Gesù fu crocifisso, morì, fu sepolto ed è risuscitato il terzo giorno e siede alla destra di Dio nel più alto (Rm 1: 3 -4), significa che pentirono, cioè, che il suo disegno è stato cambiato, trasformato dal messaggio gospel ed efficace salvato.

Vi è un travisamento di ciò Che è sincero pentimento Che anche offuscata la comprensione di molti cristiani. Il pentimento secondo la Bibbia dice di cambiare il design della comprensione. Quando Gesù dice ai farisei: “… se non vi convertirete, perirete tutti allo stesso modo” (Luca 13: 5), stava dimostrando Che nonostante il pensiero era in condizioni ottimali davanti a Dio per essere discendenti di Abramo, in infatti, non ha cambiato il disegno che avevano, periscono allo stesso modo di quelle nazioni che i farisei avevano appena rilasciato un giudizio.

Il pentimento non è confessare gli errori e crimini. Il pentimento non è andare a un confessionale. Il pentimento non è penitenza up. Il pentimento non è rimorso. Il pentimento, «metanoia” in Greco, è destinato ad avere un concetto di abbracciare una nuova comprensione.

I farisei credevano Che è stato salvato da essere discendenti di Abramo, ma se un fariseo si pentono, dovrebbe sostituire il concetto che è stato salvato da essere un discendente di Abramo dall’idea che la salvezza è in Cristo, il discendente promesso ad Abramo. Questo è il motivo per cui Giovanni Battista disse agli scribi e dei farisei – “Convertitevi. Cioè, modificare il disegno di voi, per essere salvati non solo pensare al vostro padre Abramo, perché le pietre Dio può suscitare figli ad Abramo “; – “Cambia il disegno di voi, per il regno di Dio è dentro di voi.”

Di ‘: -‘ Signore, Signore ‘, si sta comportando come alcuni ebrei Che affermavano di credere in Cristo (Giovanni 8:31), ma quando interrogato, presentato il loro vero credo, “Noi siamo discendenza di Abramo, e non siamo mai in schiavitù nessuno; come dici tu, sarete liberi “(Giovanni 8:33) ?.

Anche se molti ebrei credono in Cristo, di creare La propria strada, perché hanno capito Che Cristo era dei profeti, o Che era solo un figlio di Giuseppe e Maria. Non credevano in Cristo come Il discendente promesso di Davide; non credeva Che Cristo è superiore ad Abramo; non credeva Che Cristo esisteva prima di Abramo; non crede Che Gesù è Il I AM (John 08:53).

Gli ebrei credevano in Dio, però, non ha obbedire a Lui, così Gesù disse ai suoi discepoli: “Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me” (Giovanni 14: 1). La protesta di Giacomo e il posizionamento degli ebrei è chiaro: “Tu credi che c’è un solo Dio, fai bene: anche i demoni credono e tremano.” (Giacomo 2:19). Ma perché James ha protestato in questo modo? Per il comandamento di Dio che gli uomini credono in Cristo, e che effettivamente credono in Dio, deve credere in Cristo “E Gesù gridò e disse: Chi crede in me, non crede in me, ma in colui che mi ha mandato “(Gv 12:44). Se non credete in Cristo, in realtà non credere in Dio “Che tutti onorino Il Figlio come onorano il Padre. Chi non onora il Figlio non onora il Padre che lo ha mandato” (Giovanni 5:23).

Credere è abbastanza e credo sia necessario per La salvezza dell’anima. Quando qualcuno afferma di essere salvati ‘non è allegato credere, prima Che ci sia una specifica convinzione’ indietro solo ostacolo alla comprensione.

Qual è Il tipo di fede Che è per la salvezza dell’anima?

Ora, credono Che Gesù è venuto nella carne è Il tipo di fede Che è per la salvezza dell’anima, ma credono che Gesù non è venuto nella carne, è una credenza perduta favorita dal anticristo “Poiché molti seduttori sono entrato nel mondo, che non che confessano Gesù Cristo è venuto nella carne Questo è il seduttore e così l’anticristo “(2 Giovanni 1: 7; 1 Giovanni 4: 2) ..

Credere Che Gesù è stato crocifisso, morto e risorto dai morti è il tipo di fede che si traduce nella salvezza dell’anima, ma credono che Gesù non è morto o non risorto dai morti, è il tipo di convinzione che non libera dalla condanna (1 Cor 15: 3 -4).

Credere Che Gesù di Nazaret è il Cristo, il Figlio di Dio, è il tipo di fede che è la salvezza, ma negare che Gesù è il Cristo, è il tipo di fede che non cede la salvezza.

Credere Che Gesù è l’eterno, lo stesso ieri, oggi e sempre, è il tipo di fede per la salvezza, ma credono che Gesù sia un angelo o arcangelo, non cede la salvezza.

Confessa, ammettere Che Gesù è Il Figlio di Dio è il tipo di fede che si traduce nella salvezza, ma credono che Gesù è nato da Maria e Giuseppe è il tipo di fede che non è la verità del Vangelo, quindi, non cede la salvezza.

Credere Che Gesù compie miracoli, Che è uno dei profeti, il più grande maestro di sempre, che è il più grande psicologo, l’uomo più gentile che abbia mai passato per il paese, che risolve i problemi mille, ecc, non è il tipo di convinzione che risultati in salvezza, ma è salvato chi crede che Gesù è il Figlio di Dio, che ha parole di vita eterna “in realtà, io vi dico, colui che ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha vita eterna, e non viene in giudizio, ma è passato dalla morte alla vita “(Giovanni 5:24).

Gli ebrei inciampò l’ostacolo perché non riconoscono Che Gesù era il figlio di Davide, così il Figlio di Dio, il cuore di confessione cristiana “E Simon Pietro, rispondendo, disse: Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente” (Mt 16,16). Se accettato Che Gesù era il Figlio che Dio ha promesso David, in concomitanza ammettere, secondo le Scritture che Gesù è il Figlio di Dio (2 Sam 07:13 -14; Salmo 2: 7). La “confessione Sorella di Lazzaro, Marta, è in linea con La dichiarazione dell’apostolo Pietro “, ha detto a lui, Sì, o Signore, io credoche tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, che deve venire nel mondo “(Gv 11,27).

La conversione dell’uomo segue La predicazione Del messaggio evangelico, simile a quello Che è successo con la gente di Ninive che, udito il messaggio del profeta Giona, convertito (Luca 11:32). La conversazione non ha alcuna relazione con Il tipo di programma Che guarda il cristiano in televisione; nel costume di un uomo o di una donna; con l’aspetto fisico; con i capelli, sia breve o lungo; con ornamenti, orecchini, profumi, ecc, prima della conversione è legata alla confessione del Vangelo.

Un altro errore derivante da una lettura errata della Scrittura è l’idea Che una persona può solo credere veramente quando ‘rammarico’ rimpianto senso, il rimorso, dolore per gli errori di comportamento commesso. Ora, ‘convertitevi’ è lo stesso Che credere nella verità Del Vangelo, per aver creduto in Cristo per la salvezza è possibile solo quando l’uomo abbandona (metanoia) i propri concetti di salvezza.

Per esempio: quando l’evangelista Matteo racconta La parabola dei due figli raccontate da Gesù ai farisei, è stato dimostrato Che i pubblicani e Le meretrici creduto nel messaggio di Giovanni Il Battista, ma Il religioso, nonostante vedendo tale meraviglia, credendo peccatori, non sono cambiate Il disegno di credere nel messaggio di Giovanni Il Battista “… entro e non pentito credergli” (Mt 21:32).

Una prova Che i Farisei non credevano la parola di Giovanni Battista è che non hanno cambiato la confessione, perché nonostante sentendo che il regno di Dio è vicino, continuava a dire che erano discendenti di Abramo. Se non ci fosse Il pentimento, non è più necessario riferirsi ad Abramo e sarebbe confessare che Gesù è il Cristo.

I farisei non si fossero pentiti (metanoia) perché hanno creduto e non credete, perché non cambiate la concezione che hanno imparato dai loro genitori (non pentito). Bisogna fare attenzione a non confondere “metanoia” (Pentimento) con La concezione cattolica della indulgenza derivato penitenza Che permea ancora il significato della parola ‘pentimento’.

Per salvare è necessario Che lo Spirito Santo condannare l’uomo Del peccato, alla giustizia e al giudizio. La convinzione di peccato Che lo Spirito Santo non promuove deriva da questioni legalistica, moralistici o formali. La convinzione di peccato Che lo Spirito Sato promuove la consapevolezza è, secondo le Scritture, che:

– L’uomo è peccatore a causa della disobbedienza di Adamo; Che il reato di Adamo ha portato il giudizio a tutti gli uomini la condanna.

– Il giudizio di Dio è stata stabilita in Eden, portando la condanna su tutti gli uomini.

– La giustizia di Dio è un atto di sostituzione, l’obbedienza di Cristo per La trasgressione di Adamo, non da problemi comportamentali.

Le religioni cercano di dimostrare Che l’uomo è un peccatore attraverso questioni morali e legali, ma la Bibbia mostra che tutti sono diventati peccatori a causa di un unico reato di “E quando sarà venuto, egli convincerà il mondo quanto al peccato, alla giustizia e al giudizio “(Giovanni 16: 8).

Quando uno crede in Cristo, l’uomo passa dalla morte alla vita. Quando si crede, l’uomo entra per la porta stretta. Quando si crede, l’uomo va di essere in Cristo, La via stretta Che conduce l’uomo a Dio. Basta essere in Cristo, Che l’uomo è diventato separato dal peccato e unito a Dio.

L’uomo viene salvato dal Vangelo, Che è potenza di Dio per La salvezza di tutti coloro che credono.

Quando si dice Che l’uomo è salvato per fede, stiamo dicendo che l’uomo è salvato attraverso il vangelo, perché il Vangelo è la fede trasmessa ai santi, come si è manifestata nella pienezza dei tempi (Giuda 1: 3; Galati 3: 23).

L’uomo viene salvato dalla predicazione della fede, Che è dono di Dio. Quando l’uomo ascoltato Il Vangelo e credette, obbedito la fede, dando potere di diventare figli di Dio (Giovanni 1:12). La convinzione (fede) veri risultati delle opere Che Gesù ha fatto al Calvario (obbedienza) che ha portato la sua risurrezione dai morti.

Per essere salvati è quello di credere Che Gesù è morto per i peccatori per redimerli dalla condanna ereditato da Adamo.

Tuttavia, migliaia, forse milioni di religiosi, Che sono membri di chiese, ha detto che invocare il Signore, sarà scioccato quando sono respinti da Dio. Come mai? Perché alcuni credono in Cristo a modo loro, e non secondo le Scritture “E Gesù uscì con i suoi discepoli, per i villaggi di Cesarea di Filippo; e per via interrogava i suoi discepoli dicendo: Chi dice la gente che io sia? Ed essi risposero: Giovanni il Battista; e altri, Elia; ed altri, uno dei profeti “(Marco 8:27 -28). Altri perché non hanno tutto credere in Cristo, secondo le Scritture, prima svanirono nelle loro concezioni, rifiutando la verità del Vangelo “Non gettate dunque via la vostra franchezza la quale ha una grande ricompensa. Poiché voi avete bisogno di costanza, affinché, avendo fatta la volontà di Dio, otteniate quel che la promessa “(Ebrei 10:35 -36), per la promessa di Cristo è specifico a coloro che credono nel suo nome:« E questa è la promettere che ci ha fatto, anche la vita eterna “(1 Giovanni 2:25); “Per dargli testimonianza tutti i profeti, che chiunque crede in lui ottiene la remissione dei peccati attraverso il suo nome” (Atti 10:43); “Ma a tutti coloro che lo hanno ricevuto, egli ha dato potere di diventare figli di Dio: a quelli che credono nel suo nome” (Giovanni 1:12).

Credere Che Gesù è Il Figlio di Dio è sufficiente per La salvezza, però, è necessario per mantenere questa fiducia fino alla fine, in quanto questo è l’ammonimento dell’apostolo Paolo “Per quale siete salvati, se si tiene veloce come io vi darò annunciato se non si crede in vano “(1 Cor 15: 2). Una volta fatta la volontà di Dio, che è quello di credere in Cristo, solo perseverando sino alla fine per ottenere la promessa, la vita eterna!

Lo scopo Del Vangelo e delle Scritture è Che l’uomo può credere che Gesù di Nazaret è il Cristo “Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome” (Giovanni 20:31 )

Claudio Crispim

Nasceu em Mato Grosso do Sul, Nova Andradina, em 1973. Aos 2 anos, sua família mudou-se para São Paulo, onde vive até hoje. O pai ‘in memória’ exerceu o oficio de motorista de ônibus coletivo e a mãe comerciante, ambos evangélicos. Claudio Crispim cursou o Bacharelado em Ciências Policiais de Segurança e Ordem Pública na Academia de Policia Militar do Barro Branco e, atualmente exerce a função de Capitão da Policia Militar do Estado de São Paulo. É casado com Jussara e é pai de dois filhos, Larissa e Vinícius. É articulista do Portal Estudo Bíblico (www.estudosbiblicos.org), com mais de 360 artigos publicados e distribuídos gratuitamente na web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content