Pentimento

image_pdfimage_print

Il pentimento biblica non costituisce un cambiamento di atteggiamento promosso dalla coscienza umana. Integra una vita davanti agli uomini, dice un altro aspetto della vita Cristiana, non il pentimento promosso dal vangelo. Il vero pentimento dice un cambiamento nel disegno (metanoia), vale a dire, un cambiamento nel modo di pensare a come l’uomo raggiunge la salvezza di Dio.


“E non pensate a voi stessi, dicendo: Abbiamo Abramo per padre…” (Mt 3: 9)

Per raggiungere la salvezza in Cristo è stato necessario un grande cambiamento (radicale) nel suo modo di pensare, questo cambiamento è stato quando hai sentito il messaggio del Vangelo e creduto in Cristo. Il Vangelo è una buona notizia Che produce una trasformazione radicale nel modo di intendere La salvezza. Questo cambiamento radicale nel modo di pensare Che il Vangelo giù l’uomo che era senza Dio è chiamato nella Bibbia di pentimento. Il pentimento è il cambiamento nel design, concetto, di come l’uomo raggiunge la salvezza di Dio.

Molti scribi e farisei venuto al battesimo di Giovanni il Battista, ma anche dopo essere stati battezzati, ancora dichiarando che erano figli di Dio essendo discendenti di Abramo. Giovanni Battista osservata attraverso ciò Che professa di non avere un vero e proprio pentimento “e non pensare solo dire Che abbiamo Abramo per padre” (Mt 3: 9). E ‘stato necessario gli scribi ei farisei si pentono delle loro idee sbagliate su come salvare, cioè, come figlio di Dio. Giovanni Battista è enfatico, anche per le pietre Dio può rendere i bambini ad Abramo, cioè, di fare (creare) figli a se stesso.

Qual è la vostra concezione della salvezza? Hai mai pentito fatto? Si stanno producendo frutti degni Del ravvedimento?

Per di rispondere e verificare Che si è raggiunto il pentimento vero e proprio, tenere presente quanto segue:

  1. a) Tutti gli uomini sono pentiti di qualcosa Che hanno fatto di sbagliato nel corso della sua vita. Pentirsi dei loro errori, atteggiamenti, decisioni, etc. Ma è questo tipo di pentimento concessione Salvezza?
  2. b) Una persona Che ha vissuto una vita dissoluta Del crimine, la promiscuità e la menzogna, ma a pentirsi degli errori (atteggiamenti) e va a vivere in un monastero, ha raggiunto il pentimento vero e proprio?
  3. c) Un cittadino dedicato a vivere una vita ordinata nella società, religiosa, e di commettere un atto illecito o illecito, e sentire profondo dolore per il suo atto, ha raggiunto il vero pentimento?

Non! Non sono questi tipi di rimpianti quello sopra descritto che John consigliato! Questo ravvedimento promosso dalla coscienza umana è quello che la Bibbia chiama il pentimento dalle opere morte.

Il pentimento biblica non costituisce un cambiamento di atteggiamento promosso dalla coscienza umana. La vita di integrità davanti agli uomini, dice un altro aspetto della vita Cristiana.

Il vero pentimento dice un cambiamento nel disegno, cioè, nel pensare a come raggiungere la salvezza di Dio.

Per i farisei e gli scribi non era sufficiente a supporre Che fossero figli di Dio essendo discendenti di Abramo “e non pensare a voi stessi, dicendo: Abbiamo Abramo per padre” Matteo 3: 9 per il giovane ricco non era sufficiente per adempiere la legge o fare qualcosa per la salvezza “Maestro buono, che cosa devo fare di buono per ottenere la vita eterna?” (Matteo 19: 16). Nicodemo non era sufficiente per essere un giudice, maestro, farisei, ebraico, ecc “C’era un uomo dei farisei di nome Nicodemo, un capo dei Giudei” (Giovanni 3: 1).

Pietro, parlando di pentimento, ha esortato gli ebrei a cambiare il loro pensiero e il punto di vista del Cristo crocifisso che. Solo dopa gli ebrei credono in Cristo come Signore avrebbe fatto pentiti (Atti 02h38min).

Si noti Che Giovanni Battista non ha rimproverò i farisei e gli scribi circa gli errori Che avevano commesso. Prima, dovrebbe pentirsi perché, cioè, a causa della vicinanza Del Regno di Dio, Che è Cristo tra gli uomini “Convertitevi, perché il regno dei cieli” (Mt 3: 1 -2).

La missione di Giovanni Battista era questo: per preparare la via del Signore, cioè annunciare agli uomini che avevano bisogno di abbandonare la loro concezione di come essere salvato, e ricevere Cristo.

In un’occasione Gesù rimproverò alcuni discepoli Che non avevano alcun pentimento genuino. Si noti Che questi discepoli credettero in Cristo, ma si sono fidati che sono stati salvati per essere discendenti di Abramo. Non avevano avuto un sincero pentimento, da quando sono stati ancora attaccati al vecchio concetto di come raggiungere la salvezza di Dio.

“Gesù disse a quei Giudei Che avevano creduto in lui: Se perseverate nella mia parola, siete veramente miei discepoli conoscere la verità e la verità vi hanno detto .. Siamo discendenti di Abramo e non siamo mai stati schiavi di nessuno” (Giovanni 8: 11 -34).

Quegli ebrei non era pentito. Erano semplici seguaci di Cristo, a causa di pane, miracoli, di un re, etc. Ma, quando gli imputati Che per essere veri discepoli dovevano conoscere la verità, cioè, lasciare l’ignoranza del peccato (il pentimento), ha mostrato quello che era la loro concezione della salvezza: confidarono nella loro presunzione, che erano il discendenti di Abraham.

I seguaci di Cristo (i Giudei Che avevano creduto in lui) erano nella stessa condizione degli scribi e dei farisei Che erano il battesimo di Giovanni Battista: si fidavano che la salvezza è venuto dalla generazione (figli) di Abramo (Mt 3: 9) confronto con (John 08:33).

Quindi, se credi in Cristo come unico Salvatore, e lasciato La vecchia concezione Che era sacrifici necessari, preghiere, punizioni, le origini, la carità, la religione, ecc, da salvare, è stato raggiunto il pentimento genuino. Avete pentito di fatto, c’è stato un cambiamento della mente deriva dal sapere Che il Vangelo liberato dall’ignoranza del peccato.

Perché hai pentito sinceramente ora di professare il nome di Cristo come unico salvatore, si stanno producendo il frutto degno della conversione, cioè il frutto di labbra che confessano il Signore, Cristo (At 4,12; Eb 13:15 ).

Un errore sul pentimento nasce dalla errata interpretazione del versetto: “portare frutti degni di conversione” (Giovanni 3: 8), in cui dedurre che ‘frutti degni del ravvedimento’ si riferisce al comportamento umano. Si noti che il frutto che Giovanni Battista ha detto che dice ciò che l’uomo professa di come si raggiunge la salvezza, da allora viene alla presunzione dei farisei e degli scribi.

Perché ciò Che si professa (frutta) prova se pentito o no? Poiché il comportamento è qualcosa di esterno, che nessuna prova ciò che è nel cuore dell’uomo. Si noti che i falsi profeti sono in veste di pecore (comportamento), ma dentro sono lupi rapaci, e solo da loro frutti (che professano) li può soddisfare (Mt 7:15 -16).

 

Domande e risposte:

 

1) Qual è il pensiero degli scribi e dei farisei su come raggiungere la salvezza? (Mt 3: 9)

  1. Hanno pensato Che fosse sufficiente essere un discendente di Abramo (figlio nella carne) per raggiungere la filiazione divina.

 

2) Nome quattro esempi di ‘pentimento’ che non favorisce la salvezza:

  1. Pentitevi una lotta con il marito; pentirsi a comportarsi male a scuola; pentirsi non prendere una decisione importante nella vita; pentirsi per aver omesso aiuta qualcuno.

 

3) Qual è il pentimento per la salvezza?

  1. abbandonare i vecchi concetti su come raggiungere la salvezza e di accettare la dottrina di Cristo.

 

4) Ciò che il giovane ricco pensato che era necessario per essere salvati?

  1. fare un po ‘buono’ a Dio.

 

5) Quali consigli di Pietro agli ebrei che crocifisso il Signore Gesù?

  1. Pentiti, o abbandonare i concetti riguardanti l’appartenenza nella carne di Abramo e la legge di Mosè, e essere battezzati nel nome di Gesù (Atti 2:38).

 

6) Quale consiglio Giovanni Battista ha dato agli scribi e farisei di essere salvato?

  1. Non credo che solo dire, abbiamo un padre Abramo. Pentitevi, o abbandonare questo concetto!

 

7) Come il vero credente produce frutti degni del ravvedimento?

Professando Gesù come Signore della tua vita secondo la verità contenuta nella Bibbia.

 

Claudio Crispim

Nasceu em Mato Grosso do Sul, Nova Andradina, em 1973. Aos 2 anos, sua família mudou-se para São Paulo, onde vive até hoje. O pai ‘in memória’ exerceu o oficio de motorista de ônibus coletivo e a mãe comerciante, ambos evangélicos. Claudio Crispim cursou o Bacharelado em Ciências Policiais de Segurança e Ordem Pública na Academia de Policia Militar do Barro Branco e, atualmente exerce a função de Capitão da Policia Militar do Estado de São Paulo. É casado com Jussara e é pai de dois filhos, Larissa e Vinícius. É articulista do Portal Estudo Bíblico (www.estudosbiblicos.org), com mais de 360 artigos publicados e distribuídos gratuitamente na web.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *