Pianta che il Padre non ha piantata

image_pdfimage_print

Il piano che il Padre non ha piantata, viene dal seme corruttibile di Adam. Questo seme non è soggetto alla volontà di Dio. Si tratta di un seme di inimicizia e di tutto ciò che è nato, non può vedere il regno di Dio “Perché la mente carnale è inimicizia contro Dio, perché non è sottomesso alla legge di Dio, e neppure può esserlo” (Rom 8: 7).


In un’occasione Gesù si trovava nella sinagoga di Nazareth, e gli diede il libro di Isaia. Quando l’Agnello aprì il libro, ha trovato il testo che diceva: “Lo Spirito del Signore è sopra di me, perché mi ha unto per predicare ai poveri mi ha mandato per guarire il cuore spezzato, di predicare la liberazione ai prigionieri, e recupero della vista. ai ciechi, per rimettere in libertà gli oppressi, e predicare un anno di grazia del Signore … “(Luca 4:18 -19).

Questo è quando Gesù disse al popolo: “Oggi questa Scrittura si compie nelle vostre orecchie” (Luca 4,21).

Quando Gesù era tra gli uomini, lo Spirito di Dio era su di lui (Giovanni 10:30). La missione di Gesù ‘è stato quello di portare la buona novella ai poveri in spirito (Matteo 5: 3). Fu mandato a confortare il cuore rotto. Gesù si presenta come libertà per i prigionieri Del peccato. Il cieco, Gesù è la Luce. Il oppressi dal peccato trovare La libertà in Cristo. Gesù inaugurò il tempo (anno) in cui gli uomini sono accettabili di fronte a Dio (2 Corinzi 6: 2).

Isaia profetizzò che Gesù dopo compiere la sua missione, gli uomini sarebbero stati chiamati querce di giustizia, la messa a dimora di Geova, che Dio sia glorificato.

Attraverso l’opera compiuta do Cristo, gli uomini sarebbero stati chiamati piantagione della giustizia, vale a dire “il Padre piantato piante”.

La parola di Dio (vangelo) è il seme che dà origine alle “querce di giustizia ‘” Questo, quindi, è la parabola: Il seme è la parola di Dio “(Lc 8,11). Le piante piantate il Padre, deriva dal seme incorruttibile, che è la parola di Dio (1 Pietro 1:23).

Cristo è il seminatore, e tutti coloro che predicano la buona notizia del Vangelo “Il seminatore semina la parola” (Marco 4,14). Ma a seminare la parola, devi essere nato della volontà di Dio. Devi essere abilitata a effettuare un figlio di Dio (Giovanni 1:12 -13).

Non c’è modo la parola del Vangelo, se l’uomo non è nato da lei. In altre parole, è possibile solo per l’uomo per produrre il frutto di labbra che professano Cristo, dopo che è generato parola.

Ecco perché il Vangelo è potenza di Dio per chiunque crede (1 Cor 1,18; 1 Corinzi 2: 5; Rm 1,16). Il Vangelo è potenza di Dio Che dà la vita agli uomini.

Gesù è venuto “… per ripristinare la vista ai ciechi …”, ma i farisei e gli scribi credevano di avere una visione perfetta delle cose celesti. La missione che Gesù è venuto a rendersi conto, non è stato osservato in coloro che credevano di avere una vista perfetta “E Gesù gli disse: Io sono venuto in questo mondo per giudicare, perché coloro che non vedono vedano e quelli che vedono diventino ciechi. e alcuni dei farisei che erano con lui, udito ciò, gli dissero, siamo ciechi Gesù disse loro: Se foste ciechi, non avreste alcun peccato, ma ora dire: noi vediamo, perciò il vostro peccato rimane “(John 9:39 -41).

Gesù è venuto per i malati, ma il religioso creduto stessi sono: “Gesù, udito questo, disse loro, non i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati: non sono venuto a chiamare i giusti, ma , ma i peccatori a ravvedimento “(Marco 2:17).

Ma perché i farisei e gli scribi che erano considerati sono? Perché credevano che fossero figli di Dio, essendo discendenti di Abramo “Hanno detto, Noi non siamo nati da prostituzione, noi abbiamo un solo Padre, Dio” (Giovanni 8:41).

I farisei e gli scribi erano corrette? Erano i figli di Dio, essendo discendenti di Abramo? Non! I figli di Dio provengono dalla stessa fede di Abramo, il credente e seme non corruttibile, in discesa del patriarca “Allora quelli che hanno la fede sono benedetti col credente Abramo” (Gal 3: 9).

Per gli uomini saranno benedette come fedele Abramo, cioè, figli dell’Altissimo, bisogna credere nella parola di Dio come Abramo credette e che sarà per la giustizia. Dio non fa preferenze di persone e di tutti coloro Che credono, come Abramo credette, sono giustificati dalla sua grazia.

Quando Abramo credette a Dio, è diventato la giustizia di albero, pianta il Signore piantò (giustificata). Tuttavia, i loro discendenti carnali non hanno raggiunto la stessa condizione davanti a Dio.

Essendo figlio di Abramo è quello di praticare le opere di Abramo, che è, a credere nella parola di Dio. Si riceve il seme incorruttibile nel cuore. Questa è l’opera di Dio: credere in colui Che egli ha mandato (Giovanni 08:39; Giovanni 6:29). Abraham ha eseguito le opere di Dio perché credeva in Dio, ma i loro discendenti, affidati nella carne, che è, nella sua origine, non credeva che Dio ha mandato, e quindi non credeva in Dio.

I farisei e gli scribi erano discendenti di Abramo (John 08:37), ma non erano figli di Dio. Hanno pensato Che fosse sufficiente a professare di essere discendenti di Abramo per raggiungere la figliolanza divina (Mt 3: 9).

I farisei e gli scribi non erano piante piantate da Dio (non credere in Cristo) e, di conseguenza, sarebbe stato strappato (probabilmente il giudizio di Dio) “Chi crede in lui non è condannato, ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto in nome dell’unigenito Figlio di Dio “(Giovanni 3:18).

Sappiamo Che coloro che non credono in Cristo, sono piante non coltivate dal Padre, e coloro che credono, sono alberi di giustizia, piante appartenenti al Padre.

Ma quando e dove gli uomini malvagi sono stati piantati, dal momento che tutti gli uomini sono le piante?

Gli ebrei considerato che erano figli di Dio essendo discendenti di Abramo nella carne. Hanno dimenticato Che Abramo ricevette la filiazione divina, quando credette a Dio, ed è stato imputato per la giustizia.

Anche se gli ebrei erano discendenti di Abramo secondo la carne, però, erano ancora figli di Adamo, come figlio di Dio è possibile solo attraverso la fede.

Cioè, tutti gli uomini nati in Adamo sono piante che il Padre non ha piantati. Ci sono alberi di giustizia, e quindi non sta piantando del Signore!

Abraham era un discendente di Adamo, la carne, e ha generato figli carnali. I loro discendenti sono stati concepiti nel peccato, così come tutti gli uomini sono concepiti “Ecco stato formato in iniquità, e nel peccato mi ha concepito mia madre” (Sal 51: 5).

Mediante la fede di Abramo è diventato una pianta che il Padre ha piantato perché è stato giustificato da Dio. Ma i loro discendenti hanno continuato a essere generato secondo la carne di Abramo, che si riferisce ad Adamo.

Sebbene Abraham ha raggiunto la condizione di uomo spirituale a confidare nella promessa di Dio, tuttavia, ha continuato a sopportare i bambini secondo la carne, i partecipanti seme corruttibile di Adam.

Solo chi è nato da Dio sono creati uomini spirituali. Abraham era il figlio di Dio mediante la fede e solo coloro che credono in Dio come fedele Abramo, sono generati da lui.

L’umanità è una coltura da un seme corruttibile, (che non rimarrà per sempre), il seme di Adamo. Ogni uomo che viene nel mondo sono piante che il Padre non ha piantati e che è per questo che la Bibbia dice che tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio.

Per nato dalla carne, l’uomo di volontà e di sangue, uomini venuti al mondo sotto condanna. Solo dopo essere rinati, secondo la volontà di Dio (Spirito) e il seme incorruttibile (acqua), l’uomo diventa piantagione del Signore.

“E tutte le persone saranno giusti, erediteranno la terra per sempre, il ramo del mio impianto, l’opera delle mie mani, che io possa essere glorificato” (Isaia 60:21).

Per rinascere, è necessario essere piantati da Dio (ramo della mia piantagione). La nuova creatura in Cristo è generato esclusivamente opera delle mani di Dio. Non c’è uomo partecipare attivamente alla nuova nascita, in quanto è la gloria di Dio solo appartiene.

Per l’uomo di essere piantato dal Padre si deve credere nella parola di Dio che dice: “Guardate a me e sarete salvi, tutti i confini della terra, perché io sono Dio, e non c’è alcun altro” (Isaia 45:22 ). Chi guarda l’autore e perfezionatore della nostra fede è perché credeva che solo Dio lo può salvare.

Chi non crede nel Figlio unigenito di Dio, lo fa apparire, e soffrono le conseguenze del peccato nello stesso modo in cui il morso da serpenti nel deserto che sembrava non (credo) il serpente di rame soffrire, al momento Ebrei attraversato il deserto la strada verso la terra promessa!

Il piano che il Padre non ha piantata, viene dal seme corruttibile di Adam. Questo seme non è soggetto alla volontà di Dio. Si tratta di un seme di inimicizia e di tutto ciò che è nato, non può vedere il regno di Dio “Perché la mente carnale è inimicizia contro Dio, perché non è sottomesso alla legge di Dio, e neppure può esserlo” (Rom 8: 7).

Le piante che non sono stati piantati da Dio saranno sradicati perché non teme il giudizio: “peccatori Quindi il empi non stare in giudizio, nè nella congregazione dei giusti” (Salmo 1: 5).

A questo proposito, previsto Giovanni Battista: “E ora anche la scure è posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco” (Matteo 03:10).

Mentre i farisei e gli scribi continuarono professare che erano figli di Dio essendo discendenti di Abramo, sarebbe produrre frutti cattivi, che ha indicato che non erano il Padre piantato piante e soggetti a l’ira di Dio.

Solo alberi che producono frutti buoni, cioè, che professano la vicinanza del regno dei cieli (Cristo) rimarranno per sempre (Ebrei 13:15). Ci sarà da tagliare, per Dio stesso li piantati, e sarà per sempre opere di mani di Dio. Tiri (piante) piantati da Dio.

Claudio Crispim

Nasceu em Mato Grosso do Sul, Nova Andradina, em 1973. Aos 2 anos, sua família mudou-se para São Paulo, onde vive até hoje. O pai ‘in memória’ exerceu o oficio de motorista de ônibus coletivo e a mãe comerciante, ambos evangélicos. Claudio Crispim cursou o Bacharelado em Ciências Policiais de Segurança e Ordem Pública na Academia de Policia Militar do Barro Branco e, atualmente exerce a função de Capitão da Policia Militar do Estado de São Paulo. É casado com Jussara e é pai de dois filhos, Larissa e Vinícius. É articulista do Portal Estudo Bíblico (www.estudosbiblicos.org), com mais de 360 artigos publicados e distribuídos gratuitamente na web.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *